Mercoledì 18 Luglio 2018
Martedì

10
Luglio 2018

Citazione:

C'è uno spettacolo più grandioso del mare, ed è il cielo, c'è uno spettacolo più grandioso del cielo, ed è l'interno di un'anima. (Victor Hugo)

Sante Rufina e Seconda Martiri di Roma

† Roma, 260 ca.

Le informazioni sul martirio di Rufina e Seconda sono concordi.
Condannate, sotto Valeriano e Gallieno, dal prefetto Giunio Donato, furono martirizzate a Roma al decimo miglio della via Cornelia. La tradizione le vuole sorelle che, fidanzate a due giovani cristiani divenuti apostati, si votarono alla verginità.

Non essendo riusciti con ogni sforzo ad indurle all' apostasia e al matrimonio, i due giovani le denunciarono.
Quasi sicuramente, già ne IV secolo, sul loro sepolcro fu eretta una basilica, forse da papa Giulio I, di cui oggi è impossibile indicare l'ubicazione in maniera sicura.

Rufina e Seconda, con il loro esempio ci ricordano che in una società multireligiosa come quella verso cui ci stiamo incamminando, le ragioni della fede sono superiori a quelle del cuore.
 

Quizzando:

Quale corpo dell'esercito italiano fu fondato dal generale Lamarmora?


Soluzione al quiz di ieri:

Gli esquimesi si nutrono di uova di tricheco?

R: Il Tricheco è un mammifero e non fa uova

Oggi avvenne:


1871: nasce Marcel Proust, lo scrittore francese più tradotto al mondo e uno dei più celebri della letteratura europea del Novecento.


Escursione al Rifugio Val di Fumo

 

Risultati immagini per val di fumoIl corso superiore del Rio Chiese solca la Val Daone e ne riempie i laghi, incuneandosi nel Gruppo dell’Adamello da cui nasce. Il nostro itinerario si svolge nello splendido ambiente d’alta montagna della testata della Val Daone, la Val di Fumo.

Per raggiungere il punto di partenza della nostra passeggiata in Val di Fumo percorriamo la stradina che sale da Daone, oltrepassando il Lago di Malga Boazzo e il Ristorante Da Pierino, fino al parcheggio del Bar Alla Diga a 1.790 metri di quota. Davanti a noi l’imponente diga che sbarra il lago artificiale di Malga Bissina, che costeggiamo sulla sponda ovest prima di proseguire per Malga Breguzzo. Giunti alla malga, seguiamo il segnavia n. 240 in direzione del Rifugio Val di Fumo.

Si può indifferentemente scegliere di percorrere il lato sinistro o quello destro della valle: il fascino delle intatte praterie d’alta montagna della Val di Fumo è il medesimo. Ci addentriamo con agio nella valle: il dislivello da superare, di nemmeno 200 metri, è davvero modesto, e possiamo concentrarci sul paesaggio. In basso il corso del Chiese risplende dei toni del turchese, a fare da sfondo le cime del Gruppo dell’Adamello, dai fianchi ancora coperti di neve, come il Carè Alt, il Corno di Vigo e il Crozzon di Lares. Quasi senza accorgercene raggiungiamo la Malga Val di Fumo e – poco più in alto – l’omonimo Rifugio. Dopo una piacevole sosta, facciamo ritorno sullo stesso percorso dell’andata.






 
Oggi 18 Luglio
Ieri 17 Luglio
16 Luglio
15 Luglio
14 Luglio
13 Luglio
12 Luglio
11 Luglio

Iscrivi alla newsletter di Almanaccodioggi.it