Domenica 24 Giugno 2018
Martedì

12
Giugno 2018

Citazione:

La legalità è libertà. (Johann Wolfgang Goethe)

Beato Guido da Cortona Sacerdote


Cortona diede i natali al Beato Guido Pagnottelli intorno all’anno 1187: nell’antichissima città etrusca il giovane visse una fanciullezza serena e spensierata, anche grazie alla condizione familiare discretamente agiata.
Quand’era poco più che ventenne i suoi passi incrociarono quelli di Francesco d’Assisi che, da qualche tempo, visitava e predicava in molti paesi del centro Italia.

Durante la visita del 1211 a Cortona, riferiscono le antiche cronache, il santo frate venne ospitato, con un compagno, proprio da Guido. Il giovane, come era accaduto ad altre persone, conquistato dall’ideale francescano, donò i propri beni ai poveri abbandonando tutto per farsi frate. Ricevette il saio nelle pieve di Santa Maria, fondando, così, la prima comunità francescana della città che si stabilì nel preesistente eremo delle “celle”.
Qui, in un ambiente naturale straordinario, fece il suo noviziato e visse da anacoreta presso il vicino ponte, partecipando sempre, però, all’ufficio in coro con la comunità.

Avendo una certa istruzione, il giovane fu ordinato in breve tempo sacerdote, con gran beneficio di Cortona e dei paesi circostanti. S. Francesco parlò sempre in termini entusiastici di Guido e lo mandò a predicare anche ad Assisi. Nella “legenda” del Beato, scritta da un contemporaneo poco dopo la sua morte, sono narrati fatti eccezionali: la farina moltiplicata, l’acqua mutata in vino, il paralitico guarito e una ragazza recuperata viva da un pozzo.
Una visita commovente a Guido fu fatta, da parte di S. Francesco, nell’estate del 1226, poco prima della sua morte. Il Santo, dopo essere stato ospite da S. Chiara, a Siena e a Rieti, sofferente di gravi malanni e con seri problemi di vista, andò pure, brevemente, con frate Elia a Cortona.

Fedele agli insegnamenti del maestro, Guido ne ricevette l’ultima “visita” quando era già morto da vent’anni. Da lui conobbe che presto avrebbe ricevuto in cielo il premio dei giusti. Il fedele discepolo morì con il nome di Francesco sulle labbra nell’anno 1245.
Considerato un santo, il suo corpo fu sepolto nella pieve di Santa Maria, in un marmoreo sarcofago romano del II secolo d.C. (oggi conservato nel museo diocesano). Per proteggerla durante alcune invasioni, la testa fu nascosta in un pozzo, ma venne posta successivamente in una teca d’argento. Nel 1945, pensando fosse vuoto, fu aperto il sarcofago. Vennero invece rinvenute le reliquie di Guido che, ricongiunte finalmente alla testa, furono collocate nell’altare a lui dedicato in cattedrale (l’antica pieve di S. Maria).

La sua memoria liturgica è fissata al 12 giugno.

Quizzando:

Quale santo ebbe l'apparizione di Cristo sulla via di Damasco?


Soluzione al quiz di ieri:

Chi ha inventato lo scotch?

R: L'intuizione di creare una nastro capace di incollare fu dell'americano Richard Gurley Drew, nato nel 1889.
Il nastro adesivo fu messo in commercio nel 1930

Oggi avvenne:


1929: nasce Annelies Marie Frank, meglio conosciuta come Anna Frank, ebrea tedesca divenuta simbolo della Shoah.


Immagine correlataLa leggenda della Rocca di Manerba racconta che un ferocissimo lupo abitasse sulla rupe di Manerba, occupando un antro a picco sul lago impedendo a chiunque di avvicinarsi.

Dopo vari tentativi di cattura, gli abitanti misero una taglia sulla testa del lupo e fra i giovani che si presentarono ne vennero scelti tre: un giovane di Moniga, uno della Raffa e uno della Pieve vecchia.

Il giovane di Moniga, cacciatore, cercò di attirare il lupo con un'esca viva, ma non ebbe successo e finì per essere spinto giù dalle alte scogliere.
Il pescatore della Raffa, tentò di catturare il lupo con una grande rete ma anch'esso finì come l'altro.

Il giovane della Pieve, contadino, dopo aver chiamato il lupo con finti ululati, affrontò la belva innalzando una croce e gridandogli di arretrare.
Miracolosamente il lupo indietreggiò fino a cadere dalla rupe e morire.

Si narra, che mentre il popolo di Manerba festeggiava il vincitore, erigendo una grande croce in vetta alla Rocca, nel lago i corpi dei due sfortunati giovani si trasformarono in due grandi scogli.








 
Oggi 24 Giugno
Ieri 23 Giugno
22 Giugno
21 Giugno
20 Giugno
19 Giugno
18 Giugno
17 Giugno

Iscrivi alla newsletter di Almanaccodioggi.it